Telemax

Articoli

Abruzzo è in zona arancione: il presidente Marsilio, “non sono un irresponsabile”

Dicembre 07
13:45 2020

L’intervento a RaiRadio1



Il presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio in videoconferenza.

“Non cerco lo scontro istituzionale: collaboro e continuerò a collaborare con correttezza con il governo”. Il presidente della Regione Marco Marsilio è intervenuto questa mattina a Rai Radio1, all’interno del programma “Che giorno è”, per parlare del caso scoppiato con l’ordinanza sul passaggio dell’Abruzzo da zona rossa a zona arancione. 

Firmata nel pomeriggio di ieri, l’ordinanza n.106 del presidente di Regione ha scatenato la reazione del governo: in particolare il ministro per gli Affari regionali Boccia aveva replicato in Tv con la minaccia di una diffida a Marsilio a rispettare i tempi di scadenza dei 21 giorni previsti per la zona rossa, ovvero il 9 dicembre. 

“Penso che il governo abbia fatto una interpretazione sbagliata delle norme e delle tempistiche – replica oggi Marsilio – che non tengono conto dei dati reali”.

L’Abruzzo è tornato in area arancione da lunedì 7 dicembre 2020.

Il governatore aveva sottoscritto un’ordinanza per entrare in zona rossa lo scorso 18 novembre; con l’ordinanza di ieri ha annullato di fatto quel provvedimento. Fonti di governo hanno precisato che “la cabina di regia che monitora i dati di tutte le regioni ha riconosciuto questa anticipazione che avrebbe potuto portare alla zona arancione nella giornata di mercoledì. La scadenza dei 21 giorni è però prevista per mercoledì, non per lunedì. Quindi non c’è avallo su questa ulteriore anticipazione”. 

“Non sono un irresponsabile – prosegue il presidente nella sua replica – ho anticipato la zona rossa. Penso che bisogna essere seri: quando c’è pericolo si adottano soluzioni di salvaguardia, anche le più drastiche. Quando però i dati ci dimostrano che la situazione è sotto controllo torniamo ad aprire in sicurezza. Non credo che 48 ore di anticipo nell’apertura dei negozi possano stravolgere la situazione sanitaria del nostro territorio. La nostra regione è nella media nazionale”.