Telemax

Articoli

Arrestati due carabinieri di San Salvo, operazione Dda L’Aquila

ottobre 04
19:58 2019

Operazione dell’Antimafia



Carabinieri

Due carabinieri della stazione di San Salvo (Chieti) sono stati arrestati nel pomeriggio, a seguito di una inchiesta della Direzione distrettuale antimafia aquilana.

La conferma arriva da ambienti giudiziari.

Secondo quanto si è appreso si tratterebbe di reati legati al territorio vastese, a seguito di una indagine iniziata mesi or sono.

San Salvo (Chieti): Stazione dei carabinieri.

Insieme ai due carabinieri della stazione di S.Salvo arrestati c’è anche un avvocato, sempre di S.Salvo, indagato.

Le ipotesi di reato sarebbero peculato, divulgazione di segreto istruttorio e accesso abusivo al sistema informatico. E’ quest’ultimo reato che per competenza ha fatto intervenire la Dda aquilana.

L’inchiesta è nata in provincia di Chieti e poi è stata traferita all’Aquila.

Aggiornamento 

Ci sono anche altre quattro persone indagate a vario titolo nell’ordinanza di misura cautelare del Tribunale de L’Aquila. L’inchiesta è incentrata sulla condotta dei due carabinieri della stazione di San Salvo, ai domiciliari, indagati per reati quali peculato, accesso abusivo del sistema informatico telematico, rivelazione del segreto istruttorio e detenzione illegale di munizioni.

A uno dei due militari viene contestato il fatto di aver ricevuto e trattenuto delle banconote false da utilizzare come “provino” nell’ambito di un’indagine e al suo collega di aver utilizzato il sistema informatico investigativo su richiesta di due amici per controllare la targa di un’autovettura e per l’accesso alla banca dati.

Uno dei due avrebbe rivelato a un professionista il contenuto di alcune intercettazioni relative a un procedimento penale oltre a detenere illegalmente munizioni da guerra.

I due militari sono difesi dagli avvocati Alessandro Orlando e Fiorenzo Cieri del foro di Vasto.