Telemax

Articoli

Cadavere a San Vito, si scava nella vita di Riccardo Iannucci

agosto 22
20:50 2019

Ricostruzione delle ultime ore



San Vito Chietino (Chieti): Belvedere Mare-Monti, la scena del ritrovamento del cadavere di Riccardo Iannucci, 45 anni, docente di Lanciano.

I carabinieri di San Vito Chietino (Chieti) hanno acquisito le immagini della videosorveglianza di alcune attività commerciali in corso Matteotti: indagini a tutto campo sulla morte di Riccardo Iannucci, 45 anni, docente di lingue straniere di Lanciano, trovato cadavere sotto il Belvedere Mare-Monti. Si cerca di ricostruire le ultime ore in vita dell’uomo. Secondo alcune testimonianze, sarebbe stato visto nel pomeriggio di ieri in paese con un amico. Poi, il ritrovamento all’alba. 

San Vito Chietino (Chieti): i carabinieri hanno acquisito le immagini della videosorveglianza di un esercizio commerciale in corso Matteotti.

San Vito Chietino (Chieti): immagini della videosorveglianza in corso Matteotti.

“Il corpo di Iannucci era disteso, come se stesse dormendo”, raccontano i testimoni che hanno cercato di prestargli, invano, i primi soccorsi ieri alle 6 del mattino.

“L’uomo giaceva senza vita, sul terreno, dalla mezzanotte circa”, dicono i militari della compagnia di Ortona.

San Vito Chietino (Chieti): Belvedere Mare-Monti, la scena del ritrovamento del cadavere di Riccardo Iannucci, 45 anni, docente di Lanciano.

Secondo il medico legale, che ha eseguito la ricognizione cadaverica sul luogo del ritrovamento, il 45enne sarebbe morto per edema polmonare: ma causato da cosa? E perché il corpo di Iannucci era 3 metri sotto il livello della strada? Con indosso soltanto gli slip e i vestiti da mare poggiati accanto? Si era recato da solo in quel posto, ad un centinaio di metri dalla caserma dei carabinieri, oppure ce l’ha portato qualcun altro? Vivo o era già morto?

Sono tante le domande alle quali si cercano risposte. Gli inquirenti si attendono delle prime indicazioni dall’autopsia, che sarà eseguita nelle prossime ore a Chieti, dove la salma è stata trasferita su ordine del pm di Lanciano Serena Rossi.

San Vito Chietino (Chieti): il sopralluogo del pm Serena Rossi, della procura di Lanciano.

Nel frattempo in città sono tanti i messaggi di cordoglio per il “prof”, come scrivono alcuni alunni sui social, ricordandolo con affetto. E poi gli amici: “Non è possibile che non ci sei più. Se ne va con te una persona che era la quintessenza della vita”, scrive Chiara G. mentre Lucia B. lo ricorda come “Una persona educata e gentile” e Fabio L. gli rivolge un ultimo saluto, “Sei sempre con noi”. 

Un coro unanime di stima verso il docente anche dal mondo della scuola, dove viene ricordato come un “professionista molto preparato”. Nessuno avrebbe immaginato un tale epilogo.