Telemax

Articoli

Carabinieri al mercato coperto dopo la denuncia del sindaco, ma lo smantellamento prosegue

ottobre 09
09:59 2019

A Lanciano



Lanciano (Chieti): Carabinieri al mercato coperto dopo la denuncia del sindaco, ma lo smantellamento prosegue. Operai al lavoro sul tetto.

Le opere realizzate durante la gestione rimangono di proprietà del Comune”: lo specifica il sindaco Mario Pupillo, riferendo quanto scritto nella convenzione stipulata tra l’amministrazione comunale e il gestore Franco D’Alessandro.

I lavori di smantellamento e svuotamento della struttura di piazza Garibaldi, a Lanciano (Chieti), non è passata inosservata. Operai all’opera dal giorno dopo la chiusura improvvisa, era il 30 settembre, con manifesti-denuncia affissi agli ingressi e sulle vetrine, all’indirizzo sia del sindaco “megalomane” sia della giunta comunale, che perpetra “attacchi criminosi”, si legge nel testo a firma del gestore uscente.

Il Comune, proprietario dell’immobile, rientrerà in possesso del mercato coperto giovedì 10 ottobre alle ore 10, come intimato dal Tar nello sfratto a D’Alessandro. Se le chiavi non saranno riconsegnate entro il termine stabilito, l’amministrazione comunale per entrare potrà avvalersi della forza pubblica dalle ore 11.

Lanciano (Chieti): il manifesto-denuncia del gestore uscente del mercato coperto Franco D’Alessandro.

Le querele

Il sindaco e la giunta hanno sporto querela, tramite avvocatura comunale, per le frasi riportate sul manifesto.

Una seconda querela, contro ignoti, è stata presentata dal sindaco ai carabinieri, per i lavori in corso al mercato coperto. Il reato ipotizzato è quello di appropriazione indebita: dopo il blitz dei carabinieri, eseguito lunedì pomeriggio, con foto e identificazione degli operai al lavoro nella struttura, il comandante ha rimesso una informativa alla procura.

Lanciano (Chieti): l’ingresso del mercato coperto, con vetrine smontate.