Telemax

Articoli

Coronavirus: a Fossacesia 5 casi positivi al Covid 19, deceduto un anziano

Marzo 31
17:03 2020

Il punto del sindaco



Enrico Di Giuseppantonio, sindaco di Fossacesia (Chieti).

“Il direttore del Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda ASL Lanciano -Vasto-Chieti mi ha comunicato che a Fossacesia, ad oggi, sono presenti 5 casi complessivamente di persone malate di Covid 19, residenti e/o domiciliate in zone diverse del territorio comunale, oltre ad un nostro concittadino che purtroppo è deceduto”.

A fare il punto della situazione sui contagi a Fossacesia è il sindaco Enrico Di Giuseppantonio. 

La persona deceduta è Giuseppe De Simone, aveva 88 anni. L’anziano è morto il 23 marzo scorso, all’Utic dell’Ospedale di Lanciano.

“Ricordo – prosegue il sindaco nella sua comunicazione alla cittadinanza – che le informazioni e quindi il controllo ed il monitoraggio della situazione sono di competenza dell’ ASL ,della Regione Abruzzo e della Protezione Civile”.

“Come da protocollo nazionale, la ASL ha già attivato tutte le misure di contenimento, comprese le indagini sull’origine del contagio e sui contatti avuti dal contagiato/a nel periodo di pericolosità”, spiega il sindaco.

“Un pensiero di affetto voglio rivolgerlo, a nome dell’Amministrazione Comunale, ai nostri concittadini attualmente colpiti da questo virus. Vi auguro con tutto il cuore – scrive Di Gisueppantonio – di poter guarire al più presto e vi esorto ad avere fiducia, a non mollare, perché sono certo che voi siete più forti della malattia. Sono sicuro che guarirete presto e che presto potrete uscire dall’isolamento e abbracciare i vostri cari. Con lo stesso affetto rivolgo purtroppo le mie più sincere condoglianze alla famiglia del nostro concittadino deceduto, stringendomi a loro nel conforto e nella preghiera”.

Infine l’appello alla cittadinanza a rimanere a casa: “è possibile uscire solo ed esclusivamente – ricorda Di Giuseppantonio – per comprovate ragioni lavorative, di necessità e di salute. Non per altro. Di questo virus, di cui ancora troppo poco si conosce, abbiamo un’unica certezza: si combatte solo restando a casa. Insieme ce la possiamo fare!”.