Telemax

Articoli

Dopo la chiusura della Faist, il sindacato Fim Cisl lancia allarme produzione per il territorio

Febbraio 11
14:30 2020

Direttivo a Fossacesia



Si parte dalla condotta antisindacale, ma il legale della Fim Cisl ha ricevuto pieno mandato per il dossier sulla Faist di Lanciano (Chieti).

La settimana dopo lo smantellamento della produzione, nello stabilimento di Cerratina, e il licenziamento collettivo di 16 dipendenti, il sindacato affida la vertenza all’avvocato Pierpaolo Andreoni del foro di Vasto, riferisce il segretario interregionale Domenico Bologna. 

Non è solo la Faist a preoccupare la Fim: in queste ore si parla di una quarantina di esuberi anche alla ex San Marco, oggi proprietà dello stesso gruppo perugino. Che cosa sta succedendo? Un nuovo trasferimento di lavoro?