Telemax

Articoli

Fondi pensione, se ne parla all’Università D’Annunzio martedì 27 novembre

novembre 26
14:16 2018

Convegno del Dipartimento di Economia Aziendale



L’investimento dei Fondi Pensione nell’Economia Reale” è il tema su cui verterà il convegno organizzato dal Dipartimento di Economia Aziendale dell’Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara. L’evento si svolgerà nell’Aula 31 del Campus di Pescara, martedì 27 novembre 2018, alle ore 15,00.

Dopo il saluto e l’introduzione del rettore Sergio Caputi e della professoressa Michela Venditti, direttore del Dipartimento di Economia Aziendale dell’Ateneo, interverranno Gabriele Cappellini, presidente di Trim Corporate Finance, il prof. Francesco De Luca, docente di International Accounting presso il  Dipartimento di Economia Aziendale della “d’Annunzio”, Marco Figus, rappresentante per l’Italia di AXIA Ventures Group, Giovanni Legnini, vice presidente emerito del Consiglio Superiore della Magistratura, Giovanni Naccarato, dottore commercialista e consulente aziendale, il prof. Alessandro Varrenti, docente di Diritto Tributario Avanzato presso il Dipartimento di Economia Aziendale dell’Ateneo.

«Il Convegno – spiega la prof.ssa Venditti – si propone di analizzare il ruolo dei Fondi Pensione quale strumento motore di sviluppo economico. Muovendo dall’analisi degli aspetti maggiormente caratterizzanti, alla luce della normativa esistente, l’evento intende sollecitare una riflessione di alto profilo sulla funzione diversa e nuova che i Fondi Pensione potrebbero essere chiamati ad interpretare. L’approfondimento, promosso e voluto dall’Università “G. d’Annunzio” – conclude la prof.ssa Venditti – intende esplorare la funzione che tali investitori istituzionali potrebbero assumere nell’economia reale, in particolare nei settori economici che maggiormente necessitano un intervento immediato, come quello delle infrastrutture, nonché quelli caratterizzati da enormi potenzialità inespresse, come turismo e cultura, a totale vantaggio dei territori e dell’occupazione».