Telemax

Articoli

Lanciano: in tremila hanno preso le navette gratuite per le Feste, servizio da ripetere

settembre 17
14:38 2019

Settantadue rimozioni in sosta selvaggia



Lanciano (Chieti): oltre 3000 persone hanno usufruito del servizio navette gratuite durante le serate del 15 e 16 settembre.

Oltre 3000 persone hanno raggiunto il cuore delle Feste di Settembre in centro città con il servizio di bus navetta organizzato dal Comune di Lanciano (Chieti) in collaborazione con il gestore del servizio di trasporto pubblico urbano, la Donato Di Fonzo e f.lli S.p.a.

Soddisfatta l’amministrazione comunale, che annuncia di voler confermare il servizio anche per i prossimi anni.

“La possibilità di parcheggiare tranquillamente l’auto negli ampi spazi a disposizione del quartiere Santa Rita e della Zona Industriale di Marcianese, nelle due serate in cui era prevista la maggior affluenza di pubblico, ha consentito a quanti hanno utilizzato il nuovo servizio di godersi le Feste in tranquillità”, commentano gli assessori Farncesca Caporale e Marusca Miscia.

Le due linee attivate

La linea 1, quella con partenza dal parcheggio del Cinema Maestoso, fermate in via Masciangelo e capolinea in viale delle Rimembranze, è stata la più frequentata con circa 2000 persone trasportate da due autobus che hanno fatto la spola tra centro e quartiere Santa Rita continuamente.

La linea 2 ha fatto registrare circa 1000 accessi, con partenza dalla zona industriale di Marcianese e arrivo in via de Crecchio davanti la BCC.

Tutti i capolinea sono stati presidiati da un servizio di cortesia e informazione assicurato dai volontari delle associazioni Ana Gruppo M.Rosato, Croce Rossa Italiana, Vigili del Fuoco in congedo e San Filippo Neri onlus.

Lanciano (Chieti): 72 rimozioni di auto in divieto di sosta nelle 4 serate clou delle Feste di settembre.

Settantadue rimozioni in sosta selvaggia 

Non si sono registrati particolari problemi o ritardi, salvo alcune auto in divieto di sosta sui marciapiedi di via Ferro di Cavallo e via Renzetti, che sono state rimosse e sanzionate dalla Polizia municipale.

Le rimozioni effettuate per divieto di sosta nelle quattre serate principali sono state complessivamente 72: venti il 13 settembre, ventinove il 14, tredici il 15 e dieci il 16.

La Di Fonzo Bus ha impegnato complessivamente per il servizio delle due serate tredici mezzi, rafforzando la frequenza e i mezzi in occasione del ritorno alle zone dei parcheggi dopo gli spari.

Servizio navetta confermato per i prossimi anni

“Il successo dell’iniziativa che abbiamo messo in campo in collaborazione con la Di Fonzo Bus dice chiaramente che con delle Feste di Settembre di assoluto livello in termini di qualità cui ci ha abituato la presidenza Trevisan, è indispensabile organizzare un servizio che consenta alle decine di migliaia di persone che affollano il centro di Lanciano durante questi giorni di muoversi in sicurezza e raggiungere il cuore delle Feste senza creare problemi a se stessi e agli altri. Un particolare ringraziamento ad Alfonso Di Fonzo per aver sostenuto convintamente l’idea di una mobilità sostenibile e intelligente e ai volontari delle associazioni che hanno garantito il servizio cortesia e informazioni”, sottolinea l’assessore alla Cultura e grandi eventi Marusca Miscia.

“L’esperienza positiva sarà replicata nelle prossime edizioni e lavoreremo per prevedere l’estensione del servizio parcheggio e navetta bus a tutte le quattro serate principali delle Feste, come in tanti ci stanno chiedendo in questi giorni. I numeri del servizio navetta parlano chiaro: 3000 utenti per 1000 auto in meno a ridosso del centro città, con conseguente e ovvio beneficio per la sicurezza di tutti. Era doveroso rispondere alle richieste di una mobilità meglio organizzata anche in considerazione del numero ogni anno crescente di pubblico che non vuole mancare alle serate clou delle Feste. Ringrazio le forze dell’ordine e in particolare la Polizia Municipale per il lavoro prezioso a garanzia e a tutela della sicurezza di tutti”, l’assessore alla Mobilità Francesca Caporale.