Telemax

Articoli

Lanciano: la famiglia di Filippo Marconetti dona le cornee, Tonia Paolucci ricorda la fondazione di Libertà in azione

marzo 20
18:26 2018



Filippo Marconetti, 46 anni, di Lanciano, morto a seguito di uno shock anafilattico da antibiotico.

Parenti e amici ancora scossi dalla morte improvvisa di Filippo Marconetti, 46 anni, di Lanciano (Chieti), deceduto ieri “per uno shock anafilattico scatenato da una fiala di antibiotico somministrato per via intramuscolare“, scrive la Asl provinciale in una nota per annunciare che la famiglia ha fatto dono delle cornee. 

La drammatica vicenda si è conclusa con un gesto di generosità: “a tarda notte i familiari, distrutti dalla tragedia che si è consumata nel giro di qualche ora – riferisce la Asl – hanno acconsentito al prelievo delle cornee, mettendo in moto le procedure previste dal protocollo, che consentono, per tali organi, di procedere a cuore fermo”.

L’intervento è stato eseguito dall’equipe composta dall’oculista Alessio Liberatoscioli, dall’anestesista Rosalia Di Martino e dal coordinatore trapianti Fabrizio Fumarola, che hanno poi inviato le cornee alla Banca degli occhi dell’Aquila.

La nobiltà del gesto della famiglia è stata sottolineata dalla responsabile della Rianimazione dell’ospedale di Lanciano: «Abbiamo fatto l’impossibile per salvare il giovane papà – dice Nadia Carosella – noto a molti di noi per il suo impegno civico anche in parrocchia e nella vita associativa. I colleghi del 118 che lo hanno soccorso gli avevano già prestato in emergenza tutte le cure del caso e poi, una volta giunto in ospedale, abbiamo fatto il resto, tentando disperatamente di rianimarlo per più di un’ora, ma è stato tutto inutile. Di fronte a una tale tragedia, pur con l’animo devastato, la moglie e i figli hanno acconsentito alla donazione, ultimo atto di altruismo di un uomo che si era sempre speso per la comunità. Un gesto in continuità con il suo stile di vita».

Marconetti era amministratore di condominio, impegnato nelle attività della parrocchia di San Pietro di viale Cappuccini. Nel 2016 si era candidato alle elezioni amministrative con il raggruppamento civico che aveva come candidato sindaco Tonia Paolucci, oggi capogruppo in consiglio comunale di Libertà in azione. 

“Il tuo grande obiettivo quotidiano era quello di Migliorare il futuro“, commenta la Paolucci ricordando gli inizi del movimento civico, fondato assieme ad un gruppo di amici. “Fin dal 2011, abbiamo iniziato ad incontrarci ed a confrontarci su cosa intendessimo per migliorare il futuro. E da lì è nata Libertà in Azione. Ho avuto l’onore di averti tra i miei candidati – scrive commossa Paolucci – Continueremo ad andare avanti nel nostro percorso e tu sarai sempre li al nostro fianco, per raggiungere l’obiettivo che ti eri prefissato”.

Gli amici e i famigliari hanno organizzato una veglia di preghiera per questa sera, alle ore 21, nella chiesa di San Pietro; il funerale si svolgerà mercoledì pomeriggio, alle ore 15.