Telemax

Articoli

L’esperimento Sox slitta per un ritardo nella consegna del rivelatore

Dicembre 12
20:30 2017

Slitta per un ritardo nella consegna del rivelatore l’avvio dell’esperimento Sox, al centro di polemiche circa la sicurezza legata all’uso del combustibile radioattivo che alimenta il rivelatore.



Lo rende noto l’Infn riferendosi alla riunione avvenuta a Mosca per verifiche tecniche sull’avanzamento del progetto Sox, durante la quale è emerso che i produttori della sorgente stanno incontrando difficoltà tecniche a garantire gli standard scientifici richiesti.

“Attualmente – prosegue Infn – la sorgente non è in grado di produrre il numero di antineutrini necessario per il progetto, dunque non è idonea per i fini scientifici dell’esperimento”.

Non si può quantificare il ritardo, è ancora in corso la riunione fra rappresentanti di collaborazione Sox, Commissariato francese per l’energia atomica proprietario della sorgente, Infn e associazione russa che produce il materiale nucleare.

Sox prevede il lavoro in tandem con l’esperimento Borexino, in attività dal 2007 nei Laboratori sotterranei del Gran Sasso Infn.