Telemax

Articoli

Pescara: 560 firme per salvare due querce secolari in via delle Fornaci, ultimi lembi del paesaggio agreste

giugno 18
20:26 2018

Mobilitati residenti e associazioni



Pescara: residenti di via delle Fornaci e associazioni, fra cui Italia Nostra e Archeoclub, si mobilitano per dire no all’abbattimento di due alberi secolari deciso dal Comune per consentire l’allargamento della carreggiata.

No all’abbattimento di due alberi secolari deciso dal Comune di Pescara per consentire l’allargamento della carreggiata: a dirlo sono i residenti di via delle Fornaci e diverse associazioni cittadine, fra cui Italia Nostra e Archeoclub. 

Questa mattina in municipio sono state consegnate le 560 firme raccolte finora.

Pescara: residenti di via delle Fornaci e associazioni, fra cui Italia Nostra e Archeoclub, si mobilitano per dire no all’abbattimento di due alberi secolari deciso dal Comune per consentire l’allargamento della carreggiata.

“Siamo venuti a portare le firme al vicesindaco Blasioli perché siamo contrari all’abbattimento di due alberi importanti – spiega Alberto Colazilli, Conalpa Onlus – gli ultimi lembi del paesaggio agreste pescarese, parliamo di roverelle stupende, simboli dell’Abruzzo e della nostra città, è assurdo abbattere delle querce, anche sanissime, per poter allargare venti metri di strada. Con questa raccolta firme vogliamo far sapere che ci sono professionisti e associazioni competenti che vogliono collaborare con il Comune. Abbiamo saputo che probabilmente una quercia verrà salvata, ma è un compromesso a nostro avviso non giusto perché gli alberi monumentali e simboli di Pescara sono due ed entrambi devono essere salvati”.