Telemax

Articoli

Pineta Dannunziana: Soa diffida il Comune di Pescara sulla gestione

Agosto 11
16:53 2021

E piano anti-incendio



“Rifiuti, alberi caduti sulle recinzioni e rimasti sospesi senza alcun intervento, mucchi di legna secca accatastati in diversi punti anche vicino ad abitazioni, staccionate e bacheche danneggiate, buche pericolose per i passanti, piante alloctone che stanno prendendo il sopravvento sulla vegetazione propria della Pineta: basta fare una passeggiata nelle aree aperte al pubblico in quanto non danneggiate dall’incendio per toccare con mano lo stato di abbandono della Pineta dannunziana e l’assenza di una gestione adeguata ad un’area protetta. Non sappiamo se le condizioni delle aree percorse dal fuoco fossero le stesse, certo è che è veramente incredibile che il sindaco Masci e Matteo Colarossi dell’ordine degli agronomi cerchino di spostare l’attenzione dai responsabili di questa cattiva gestione attaccando invece i vincoli della riserva che sarebbero da rivedere. È la gestione del Comune di Pescara che deve cambiare radicalmente”.

A sostenerlo sono Camilla Crisante e Augusto De Sanctis, della Stazione Ornitologica Abruzzese.

In particolare De Sanctis, in conferenza stampa all’interno dell’unico comparto attualmente aperto, ha mostrato lo stato in cui versano vaste aree della Pineta, oggetto di una corposa documentazione video e fotografica. “La Stazione Ornitologica Abruzzese in considerazione delle criticità, anche per la sicurezza dei fruitori e per il rischio incendi, invierà in queste ore una diffida al comune e una segnalazione ai vari organi competenti in relazione all’attuazione delle misure dei due documenti cardine della Riserva della Pineta Dannunziana, il Piano di assetto e il Piano anti-incendio”.

L’associazione contesta l’assunto che siano state le regole della riserva a peggiorare i danni dell’incendio, spiegando che oggi anche l’area non toccata dalle fiamme non è sicura. Pronta una diffida nei confronti del Comune di Pescara. “Abbiamo visto anche nel comparto 2 adiacente il Teatro legna secca a terra da tempo e interi alberi e questo la dice lunga che la manutenzione è necessaria – spiega Augusto De Sanctis – si può e si deve fare e non sono i vincoli della Riserva ad impedirla ma solo la volontà degli enti e in particolare del Comune di Pescara a mettere in atto quanto previsto dal piano d’assetto naturalistico e dal piano antincendio che esistono e che devono essere applicati. La manutenzione è necessaria ed è obbligatoria e i vincoli ci sono per intervenire e non per non fare. Parliamo sia di manutenzione ordinaria che straordinaria e togliere un albero caduto evitando che la legna rimanga a terra per molto tempo e si secchi, è manutenzione ordinaria. Poi – spiega De Sanctis – ci sono attività di diradamento che richiedono manutenzione straordinaria. E siccome siamo in una zona cittadina, questi interventi non sono necessari ma obbligatori e quindi bisogna manutenere la Riserva. Oggi stesso faremo una diffida al Comune affinché adempia alle prescrizioni del Piano Naturalistico e del Piano antincendio. Vorrei ricordare che, a proposito di quanto accaduto (l’incendio del 1 agosto scorso), nel Piano Antincendio del 2020 i tecnici dicevano che l’incendio poteva partire dalle 10 alle 17 e che diceva che bisogna a preparare volontari e predisporre punti di avvistamento e fare interventi sulla riserva per togliere legna secca e comprare materiale antincendio da distribuire ai volontari. È stato fatto? Da quello che è accaduto crediamo di no ma questo saranno le indagini ad accettarlo. Bisogna fare prevenzione. Lo si fa in tutto il mondo e non capiamo perché in giornate calde e con vento non sia stata attivata una rete capillare di avvistamento e pronto intervento. Non lo diciamo noi ma il piano antincendio del Comune”.

Invia video/foto/comunicato

Fai la tua segnalazione al TgMax

  redazione@telemaxtv.it

Social

CALENDARIO NOTIZIE

Maggio 2022
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031