Telemax

Articoli

Ricostruzione post terremoto: il commissario De Micheli in visita a Teramo, “avvicineremo i due crateri”

ottobre 26
20:27 2017

Teramo: il commissario straordinario per la ricostruzione post sisma, Paola De Micheli, in visita istituzionale all’ufficio speciale per la Ricostruzione di Teramo.

Un invito ai sindaci ad occupare gli spazi che sono loro assegnati nella ricostruzione e una assicurazione, per le imprese in particolare, sulla cosiddetta zona franca urbana: i termini saranno riaperti ma una valutazione sarà fatta soltanto dopo il 6 novembre prossimo.

Si è espresso così il commissario straordinario per la ricostruzione post sisma, Paola De Micheli, in visita istituzionale oggi all’Ufficio speciale per la ricostruzione di Teramo. De Micheli ha incontrato i sindaci dei comuni del cratere degli eventi sismici in Centro Italia del 2016 e 2017, illustrando loro le iniziative legate alle opportunità di sostegno della ricostruzione che l’ufficio da lei diretto varerà a breve, e cogliendo l’occasione per suggerire “di assumersi fino in fondo tutti gli spazi che hanno, di occuparli, anche perché è nelle prossime normative ordinamentali qualche spazio in più nell’ambito della ricostruzione privata sarà introdotto”.



“Ci sono sempre due tipi di sindaci – ha poi detto ai giornalisti – quelli che si vogliono assumere tutte le responsabilità e quelli invece che vorrebbero che le responsabilità fossero degli altri: troviamo un giusto equilibrio e, laddove ci sono degli spazi, i sindaci li occupino perché hanno tutta la facoltà e tutta la titolarità per fare qualcosina in più”.

Le diverse norme procedurali tra le ricostruzioni post sisma del 2009 e del 2016/2017, e le differenti ‘velocità’, saranno affrontate con “un emendamento del Governo al Decreto fiscale, sulle sovrapposizioni private”. Lo ha detto a Teramo il Commissario alla Ricostruzione Paola De Micheli incontrando Regione Abruzzo e sindaci.

Il commissario ha aggiunto: “Una novità del cratere del 2009 sarà, soprattutto per una parte delle opere pubbliche, che proveremo ad accelerare con le procedure che introdurremo per il 2016, quindi avviciniamo la velocizzazione delle procedure su tutti e due i crateri”.

Gli appalti pubblici non avranno più “un solo soggetto attuatore nazionale, bensì un maggior numero – ha specificato – per avvicinare il punto di organizzazione al punto di realizzazione della gara, non solo in termini geografici ma anche in termini istituzionali”.

Altra novità annunciata dal commissario è stata l’introduzione della procedura negoziata, più veloce, “finora prevista per tutte opere pubbliche strategiche: oltre le 400 della lista Errani, ne negozieremo molte altre con sub commissari, che saranno oggetto di un altra ordinanza”.

“Sulla zona franca urbana ho intenzione di riaprire i termini soprattutto per le aziende del secondo cratere che hanno scontato quel meccanismo dei soli due mesi, ma aspettiamo a farla dopo il 6 novembre”, ha inoltre detto De Micheli. “Il 7 novembre, infatti, avremo i dati di tutti quelli che hanno avuto i titoli per accedere alla zona franca urbana e sulla base della mappatura di come ha funzionato il primo testo della norma, disporremo di maggiori informazioni per riuscire a scrivere meglio la riapertura dei termini”.