Telemax

Articoli

Vasto: test rapido negativo al Pronto soccorso ma contagia 12 persone a Ortopedia, attività sospesa

Ottobre 06
15:14 2020

Anziana ricoverata per trauma



Vasto (Chieti): ospedale San Pio.

Ha generato diversi contagi l’anziana ricoverata per un trauma all’ospedale di Vasto (Chieti), dopo che il tampone rapido eseguito in Pronto Soccorso aveva dato esito negativo.

La donna, ospite in una Rsa del territorio, era stata condotta al “San Pio” a seguito di una caduta, ricoverata in Ortopedia e sottoposta a intervento chirurgico il giorno successivo. La sorpresa è arrivata con il test di controllo tradizionale, eseguito di prassi, che ha contraddetto il precedente e rivelato la positività al Coronavirus dell’anziana, facendo scattare tutte le misure del caso: stop temporaneo ai ricoveri, reparto isolato e tamponi ripetuti a distanza di 48 ore a degenti e personale, il cui esito è stato comunicato questa mattina.

Sono risultati positivi 7 pazienti e 5 operatori, per i quali il Dipartimento Prevenzione della Asl provinciale di Chieti ha già avviato il tracciamento dei contatti stretti da mettere in sorveglianza. 

“Alla luce di quanto emerso, il Direttore Sanitario della Asl Lanciano Vasto Chieti, Angelo Muraglia, ha disposto il trasferimento dei degenti già sottoposti a intervento chirurgico presso l’unità operativa di Malattie Infettive dello stesso ospedale – riferisce una nota aziendale – per gli altri in attesa di essere operati le prestazioni saranno comunque garantite in loco, salvo l’eventuale successivo trasferimento in Malattie Infettive, qualora ce ne fosse necessità”. 

In considerazione del numero di ricoverati in Ortopedia, delle patologie e delle condizioni cliniche, la Asl prevede di “trasferire o dimettere i malati entro il week end – riferisce la nota aziendale – così da procedere alla sanificazione degli ambienti e riaprire il reparto all’inizio della prossima settimana”. 

“Resta quindi temporaneamente sospesa l’attività dell’Ortopedia, pertanto per le urgenze si farà riferimento agli ospedali di Lanciano e Chieti”.