Telemax

Articoli

Chiusura Honeywell: parla Biscotti-Fim, percorso in salita in attesa del tavolo al Mise del 21 novembre

Novembre 16
16:53 2017

“La cosa importante è che dal 21 novembre avremo un tavolo con l’azienda in cui poter discutere il futuro dei lavoratori”, questo il commento del segretario provinciale Fim Cisl Primiano Biscotti, al termine dell’assemblea con 420 lavoratori Honeywell e del successivo incontro al municipio di Atessa.  

 



“Chiediamo un immediato intervento del Governo e l’apertura di un tavolo di confronto presso il Ministero dello Sviluppo Economico: l’irresponsabilità e il mancato rispetto del sindacato e delle istituzioni italiane non può passare senza una forte reazione delle istituzioni italiane”.

A sostenerlo è il segretario generale Fim-Cisl, Marco Bentivogli, dopo l’annuncio della chiusura dello stabilimento Honeywell di Atessa dove lavorano 420 dipendenti.

“Dopo oltre due mesi di sciopero – spiega Bentivogli – durante i quali la direzione aziendale di Honeywell non ha avuto neanche la decenza di incontrare il sindacato e i lavoratori per comunicargli le proprie intenzioni questa mattina, all’indomani dell’incontro tra azienda e Ministero dello Sviluppo Economico, il nuovo amministratore delegato ha comunicato la chiusura dello stabilimento per il secondo trimestre 2018 del sito abruzzese. È un epilogo inaccettabile in un quadro in cui peraltro lo stabilimento aveva sempre raggiunto elevati standard di produttività e le istituzioni italiane avevano dimostrato disponibilità a sostenere con investimenti il rilancio produttivo del sito”.