Telemax

Articoli

Lanciano: due donne scippate, tre ragazzine denunciate alla procura dei minori dell’Aquila

Agosto 26
20:17 2019

Gli scippi consumati lunedì 19 agosto



Lanciano (Chieti): pattuglia della polizia in piazza Plebiscito.

Dopo le denunce fatte dai carabinieri la scorsa settimana, arrivano altre due denunce per le ragazzine di Lanciano (Chieti), ritenute autrici di due scippi nella serata conclusiva del Festival Baciami piccina. Stavolta è il commissariato locale di polizia a sporgere denuncia per furto con strappo e simulazione di reato.

Sono tre, quindi, complessivamente le responsabili a vario titolo dei due episodi, consumati nel giro di poco tempo la sera di lunedì 19 agosto, durante la manifestazione di piazza Garibaldi.

Due i borseggi e due le donne derubate.

Il primo episodio alle dieci di sera, quando la prima malcapitata stava consumando la cena a tavola con amici e parenti: la borsa le è stata sottratta mentre era seduta ad una panca vicino al marciapiede. Per questo fatto, i carabinieri di Lanciano hanno identificato, con l’ausilio delle immagini della videosorveglianza, due ragazzine di età compresa tra 14 e 17 anni, segnalate alla procura del tribunale dei minori dell’Aquila.

Del secondo episodio, consumato poco dopo in corso Trento e Trieste, si sono occupati gli agenti del commissariato locale di polizia: protagoniste sono la più piccola del primo duo ed un’altra ragazzina di 13 anni, non imputabile.

Nel primo caso, alla donna scippata vennero sottratti 100 euro; nel secondo caso, il borseggio fallì perché due amici della malcapitata presero a rincorrere le autrici che, in mezzo la folla, si liberarono immediatamente della borsa.

Per niente pentite, le minorenni hanno invece raccontato ai poliziotti che erano state vittime di un’aggressione da parte di due giovani sconosciuti: dovranno, dunque, rispondere sia di furto con strappo che di simulazione di reato.

Intanto la città si interroga sui due episodi: le ragazzine provengono da famiglie lancianesi, senza problemi economici.