Telemax

Articoli

Valanga sull’hotel, si temono 30 morti

Gennaio 19
19:39 2017

Hotel Rigopiano, i soccorritori sul posto

Penne (Pescara), 19 gennaio 2017 – Finora (ore 20, ndr) dall’hotel Rigopiano “sono state estratte due vittime”: lo ha detto a Penne il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. “I numeri li dà la prefettura, che qui ha parlato di due vittime e quindi io mi attengo a questo numero”, ha aggiunto Curcio, a margine del vertice sui soccorsi all’Hotel Rigopiano che si è tenuto nel campo di raccolta allestito dal Coc locale. “Si continuerà a lavorare tutta la notte, compatibilmente con le esigenze di sicurezza degli operatori, tenendo presente che si tratta di un’operazione molto complicata – ha aggiunto Curcio – sono all’opera 135 persone, con più di 20 mezzi. Questa sede ha la vocazione di definire in base alle richieste che provengono dallo scenario – ha proseguito il capo della Protezione civile – e in accordo con Ccs e Regione, le necessità che chi sta operando sul posto”. Curcio ha rimarcato: “Ci sono persone che stanno lavorando al limite del possibile e che stanno svolgendo il proprio compito con grande professionalità è passione. È un lavoro di soccorso, in una situazione difficile”.
Sepolto sotto una valanga: l’hotel Rigopiano di Farindola, nel Gran Sasso pescarese, è stato letteralmente spazzato via dalla neve, che si è staccata dalla montagna con un fronte di 300 metri nel pomeriggio del 18 gennaio, trascinando con sé, nella sua folle corsa, tutto ciò che ha incontrato. All’interno del resort a quattro stelle, c’erano probabilmente 35 persone, anche se in Questura erano registrati ufficialmente solo 22 turisti, tra i quali alcuni bambini, e 7 dipendenti.

Hotel Rigopiano, il percorso della valanga

I soccorritori, giunti dopo una marcia durata tutta la notte, con sci e turbine per spazzare muri di neve, temono un bilancio tragico, fino a 30 vittime. Entro le otto della sera sono stati recuperati tre cadaveri da sotto la neve che copre quel che resta della struttura. Due le persone tratte in salvo: uno, Giampaolo Parete, 38 anni, si è salvato perché era andato in macchina a prendere delle medicine per la moglie; ma sotto la valanga adesso piange anche i loro due figli piccoli. Gli ospiti – alcuni avevano protratto il soggiorno a causa del maltempo – erano pronti per lasciare l’hotel già nel primo pomeriggio: avevano paura dopo le forti scosse di terremoto superiori a magnitudo 5, ma lo spazzaneve atteso per le 15 non aveva ancora pulito la strada. L’appuntamento era stato ritardato alle 19, ma era già troppo: la valanga li avrebbe travolti a metà pomeriggio.

Hotel Rigopiano, la colonna dei soccorsi


Hotel Rigopiano, la colonna dei soccorsi


Tra gli ospiti, anche una coppia di Castel frentano, i parrucchieri Luciano Caporale, 54 anni, e la moglie, Silvana Angelucci, 46. La coppia era giunta in hotel domenica pomeriggio per ripartire martedì sera ma, a seguito del peggioramento delle condizioni meteorologiche, hanno deciso di trattenersi fino a mercoledì.

Luciano Caporale e la moglie, Silvana Angelucci, in una foto postata sul profilo Facebook della donna.


C’erano anche: una famiglia di Osimo (Ancona) con un bimbo di 7 anni, una coppia di fidanzati di Castignano, nell’Ascolano, e un 33enne ternano che lavorava nel ristorante. I cani dei Vigili del fuoco non hanno rilevato presenze. A 24 ore dalla tragedia, trascorse al gelo e sotto una nevicata infinita, si dispera di trovare persone vive. “Ci sono tonnellate di neve, alberi sradicati e detriti che hanno sommerso l’area dove si trovava l’albergo. Materassi trascinati a valle per centinaia di metri”, è lo scenario che descrivono i soccorritori. Un fenomeno raro, che ha acquisito forza e velocità notevoli sotto la pressione della neve, dalla debolezza del terreno. E il terremoto lo avrebbe innescato, come una miccia. Gli uomini del Soccorso alpino e della Guardia di Finanza sono arrivati fino ai 1.200 metri di altitudine con sci e le pelli di foca, i Vigili del fuoco, a piedi, hanno portato il gasolio necessario a far funzionare la turbina per liberare la strada dalla neve. Un’odissea durata un’interna notte per percorrere i circa 10 chilometri di strada sommersa da tre metri di neve che separano la struttura dal bivio di Rigopiano.

Hotel Rigopiano, prima e dopo la valanga


L'interno dell'hotel Rigopiano in un fermo immagine tratto da un video diffuso dalla Guardia di Finanza.


La Procura di Pescara ha aperto un’indagine per omicidio colposo. L’Hotel Rigopiano era gestito dalla società Gran Sasso Resort, a cui lo aveva ceduto, a seguito del fallimento, la società Del Rosso Srl dei cugini Marco e Roberto Del Rosso, ex gestori della struttura. La storia della struttura e della Del Rosso vede, negli anni scorsi, fu segnata anche da un processo per presunto abuso edilizio conclusosi con una assoluzione a novembre, tanto che in paese e lungo la strada che porta all’hotel comparvero dei manifesti – tuttora visibili – in cui oltre agli auguri di buon Natale e felice 2017, si scriveva a chiare lettere ‘Hotel Rigopiano: assolti con formula piena’.

Invia video/foto/comunicato

Fai la tua segnalazione al TgMax


3383114088

  redazione@telemaxtv.it

Social

CALENDARIO NOTIZIE

Settembre: 2021
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930