Telemax

Articoli

Lanciano: a settembre torna la fiera dell’agricoltura

Giugno 25
20:51 2021

La presentazione



Quella di oggi, 25 giugno, sarà una data da ricordare per il presidente di Lancianofiera Franco Ferrante che questa mattina ha ufficializzato, non senza emozione, la ripresa dell’attività fieristica. “Il 2020 è stato un anno terribile, la pandemia ha stravolto le nostre abitudini, rivoluzionato i nostri stili di vita e cancellato progetti e iniziative. Ora grazie ai vaccini piano piano si torna a quella che chiamiamo normalità, si ricomincia e ricominciano anche le rassegne. E la fiera della ripartenza, mi piace chiamarla così – sottolinea Ferrante nel corso della conferenza stampa che si è tenuta questa mattina nel salone “Benito Lanci” della Casa di Conversazione – non poteva che essere la leader del nostro calendario, ovvero la Fiera Nazionale dell’Agricoltura. Avrebbe dovuto spegnere 60 candeline, ma lo stop dello scorso anno ci ha portato inevitabilmente a rinviare questo importante compleanno. Siamo quindi alla 59/ma edizione e sarà un appuntamento speciale – continua il presidente – a cominciare dalla data. I giorni scelti sono il 3, 4 e 5 settembre, si torna alla tradizione quando le antiche fiere di Lanciano (Chieti) si tenevano appunto a giugno e a settembre”.

Prima di dare il via all’incontro con i giornalisti, al quale hanno preso parte anche il sindaco e presidente della Provincia di Chieti Mario Pupillo e l’assessore regionale alle attività produttive Daniele D’Amario, si è svolta l’assemblea dei soci con l’approvazione del bilancio che, per la prima volta dall’inizio della presidenza Ferrante, chiude con una perdita di 47 mila euro. “Abbiamo approvato non senza difficoltà il consuntivo 2020, i numeri, considerata la totale assenza di manifestazioni, erano prevedibili, se solo ci fosse stata la rassegna dell’agricoltura saremmo andati in attivo. C’è stato un mancato introito di oltre 400mila euro – ha puntualizzato Ferrante – tengo anche ricordare il ruolo che la Fiera ha svolto anche in questo difficile periodo, mettendo a disposizione spazi e servizi per tamponi e per lo screening di massa, nonché per gli enti che per le loro iniziative hanno chiesto l’utilizzo dei nostri padiglioni”.

E a proposito di padiglioni, si registrano importanti novità. Si sta procedendo alla ristrutturazione del Padiglione Tre ed è stato presentato alla Regione il progetto esecutivo per i lavori di adeguamento del Padiglione Due. Un progetto che va avanti da tempo e che ora sembra in dirittura di arrivo, come ha evidenziato l’assessore Daniele D’Amario, che ha esordito con parole di apprezzamento per il lavoro svolto dal Polo fieristico abruzzese. “E’ un annuncio importante quello di oggi, si riparte in presenza e la fiera dell’agricoltura è la prima rassegna del Centro Sud a riaprire i cancelli, questa rassegna non è solo l’incontro tra la domanda e l’offerta, ma rappresenta una costruttiva occasione di crescita anche culturale per il nostro territorio e non solo. Come Regione siamo attenti alle esigenze della Fiera e siamo convinti che quell’area può ospitare anche manifestazioni ed eventi. Oltre al Recovery Fund, quindi, cercheremo di fare tutto quanto in nostro potere per rispondere adeguatamente alle richieste che ci sono state fatte”.

Il progetto esecutivo di ristrutturazione e riqualificazione del padiglione due sta a cuore, da sempre, al Sindaco di Lanciano Mario Pupillo. “Grazie all’assessore D’Amario, che ha mostrato attenzione e vicinanza nei confronti della Fiera e di un settore al quale tiene in maniera particolare – ha commentato il sindaco – e grazie al presidente Ferrante che in questi anni ha riportato la fiera con bilanci in attivo ed è riuscito pure a contenere quello più difficile legato al 2020. Il Covid purtroppo non ha risparmiato nessun ente, il prossimo anno mi auguro che si possa celebrare degnamente i 60 anni di storia della Fiera di Lanciano”.

E’ un legame forte, quasi indissolubile quello che la città e il territorio hanno con la Fiera e con quella dell’agricoltura in particolare. Chi non è stato almeno una volta tra gli stand dell’affollata e colorata rassegna agricola?”.

Il sipario si alzerà a settembre, l’ingresso per la prima volta sarà gratuito.